RICERCA SITO

Morfologia in biologia: il significato del concetto

Fin dall'infanzia, ognuno di noi lo sala morfologia è la parte più importante della grammatica. Tuttavia, questo concetto ha un altro significato. Cos'è la morfologia in biologia? Lo scoprirai dal nostro articolo.

Morfologia in biologia

La biologia è una scienza della vita integrata. Include un certo numero di discipline. Uno di questi è la morfologia. In biologia, questa è la scienza della struttura degli organismi. L'autore di questo concetto è il famoso poeta e naturalista tedesco Johann Wolfgang Goethe. I suoi numerosi lavori riguardano lo studio delle caratteristiche esterne delle piante, l'anatomia comparata, il concetto di organi omologhi e metamorfosi.

Ho continuato a studiare questo concetto e il suosignificato evolutivo Accademico russo Alexei N. Severtsov. È il fondatore della morfologia animale. Basato sul metodo embriologico comparativo, lo scienziato ha creato un'ipotesi sull'origine dei vertebrati e ha citato alcune delle sue prove. Insieme al suo allievo Ivan Ivanovich Schmalhausen, ha anche proposto il concetto di progresso morfologico e la regressione come fattori di evoluzione.

morfologia in biologia

Endonomiya

Morfologia, come disciplina biologica,include due direzioni principali. Il primo studia le caratteristiche della struttura esterna. È più accurato spiegare quali studi di morfologia in biologia è possibile: caratteristiche distintive di diversi organismi. Questi includono la forma, la dimensione, il colore, il numero di strutture che compongono il corpo. Il criterio morfologico è uno dei fattori che determinano l'affiliazione della specie.

Per lungo tempo rimase generalmentel'unico. Ma ulteriori ricerche hanno convinto gli scienziati della parziale inaffidabilità di questo criterio. Ad esempio, in natura esiste un numero sufficiente di animali per i quali il dimorfismo sessuale è caratteristico. Questo fenomeno consiste nel fatto che maschi e femmine della stessa specie differiscono significativamente l'una dall'altra nell'aspetto. Questi includono pavoni, fagiani, galline e galli, pesci guppy.

che studia la morfologia in biologia

anatomia

La seconda sezione, che include la morfologia inla biologia, studia la struttura interna degli organismi. Si chiama anatomia. Questa direzione della morfologia considera la struttura ai livelli dell'organizzazione, che sono superiori a quella cellulare. Questi includono tessuti e organismi. La direzione principale di questa scienza è l'anatomia di piante, animali e umani.

In varie fasi dello sviluppo embrionale, gli scienziatiStudiano anche la struttura interna di organismi di diversi gruppi sistematici, confrontandoli. Questo ci ha permesso di formulare i concetti di organi omo- e analoghi. Esempi del primo sono le zampe anteriori di uccelli e balene. Negli uccelli si trasformano in ali e i mammiferi acquatici li usano come pinne. Tuttavia, l'origine di queste strutture è unificata. L'esistenza di tali organi indica l'esistenza di un antenato comune negli animali che li hanno.

Le analogie sono parti del corpo che hannofunzioni simili, ma origini diverse. I loro esempi sono le ali degli uccelli e degli insetti. Il primo è un arti anteriori modificati. Ma le ali degli insetti sono derivati ​​di tegumento. La presenza di organi omologhi indica la capacità di vari organismi di adattarsi alle stesse condizioni di esistenza.

morfologia in biologia è

Morfologia generale

Nella scienza, si incontra spesso la nozione di "generale"morfologia "Questa sezione esamina le caratteristiche specifiche dell'organismo o di un taxon, per esempio, tutti i membri del tipo artropodi hanno segmentato arti e sulla base del numero di gambe a piedi possono già essere raggruppate in classi Quindi, aracnidi hanno quattro coppie, e insetti -.... tre .

Quindi, la morfologia in biologia è una disciplina,che studia solo la struttura degli organismi. Non influenza le caratteristiche e le condizioni dei processi fisiologici. A seconda del soggetto dello studio, distinguono tra endonomia, anatomia e morfologia generale.

</ p>
  • valutazione: