RICERCA SITO

Competizione imperfetta

In condizioni moderne, quasi tuttiIl mercato reale sarà, in un modo o nell'altro, considerato monopolizzato, cioè un mercato con concorrenza imperfetta. La concorrenza imperfetta è un mercato in cui l'una o l'altra condizione di pura concorrenza non è soddisfatta.

La stragrande maggioranza dei prodotti sulla maggior partei mercati moderni offrono un numero limitato di imprese che sono in grado, in virtù della loro posizione dominante, di influenzare le condizioni per la vendita di beni e, soprattutto, il livello dei prezzi.

In totale, gli economisti distinguono quattro strutture di mercato: concorrenza pura, concorrenza monopolistica, monopolio e oligopolio. Gli ultimi tre tipi sono concorrenza imperfetta.

La necessità di studiare la concorrenza imperfettaè spiegato dal fatto che una quantità significativa di attività economica è svolta nelle condizioni di monopoli. Soprattutto questo problema è rilevante per l'economia russa.

Concorrenza imperfetta nelle opere degli economisti

L'analisi della competizione è dedicata a un gran numeroopere di vari economisti. Ad esempio, Adam Smith propose il concetto di "libera competizione", che divenne il prototipo della competizione perfetta. Nelle opere di Smith, la concorrenza imperfetta apparve sotto forma di monopoli.

Joan Robinson torna alle statisticheanalisi della concorrenza imperfetta e perfetta. Lei nelle sue opere giustifica la relazione tra prezzo di monopolio, elasticità della domanda di prezzo e costi marginali.

Tuttavia, molti problemi, tra cui la concorrenza imperfetta nelle condizioni della globalizzazione globale, rimangono poco ricercati al momento.

Concorrenza imperfetta: l'essenza e il contenuto

La concorrenza è parte integrante del mercatoeconomia. Grazie al mercato, vi è un coordinamento dei piani di consumatori e produttori, un uso più efficiente delle risorse, una ridistribuzione del reddito in base ai risultati delle attività.

Ma questo è possibile solo quando i produttori di beni competono, competono tra loro.

Tutte le forme e i tipi di competizione sono ridotti a due fondamentali: perfetti e imperfetti. La concorrenza perfetta è un modello del mercato che soddisfa una serie di condizioni:

· Un gran numero di acquirenti e venditori.

Trasparenza assoluta del mercato.

· L'incapacità dei singoli attori del mercato di influenzare il comportamento degli altri.

· Uniformità delle merci vendute.

· Mobilità di tutti i fattori di produzione.

· Assenza di controllo soggettivo da parte dei singoli produttori sui prezzi.

Il mercato moderno è un mercato con concorrenza imperfetta. La competizione diventa tale quando viene violato almeno un segno di competizione perfetta.

Il grado di monopolio o imperfezione della concorrenza può essere diverso.

La prima fase è la competizione monopolistica,a cui molte aziende operano sul mercato, ma ognuna di esse ha una parte del potere monopolistico, a causa della differenziazione della qualità del prodotto. Un esempio è la concorrenza imperfetta nel mercato del lavoro, quando ogni candidato ha le proprie capacità, caratteristiche che lo distinguono da tutti gli altri.

Il passo successivo è l'oligopolio, quando diverse grandi imprese hanno una posizione predominante nel mercato. In questo caso, l'azione di un'impresa porterà alla risposta di tutte le altre imprese.

Il più alto grado di imperfezione della concorrenza è un monopolio puro. In questa situazione, solo una società opera nel settore. Ad esempio, l'unico aeroporto, l'unica ferrovia della città.

Quindi, si può concludere che la concorrenza imperfetta è la forma di esistenza di praticamente tutti i mercati reali.

</ p>
  • valutazione: